RSS

Sul genocidio del Ruanda ci sono ancora molte domande aperte 

10 Apr

A distanza di 23 anni, la conoscenza del genocidio compiuto dagli estremisti hutu contro i tutsi – di cui sono state vittime anche numerosi tra i cosiddetti hutu moderati – non è ancora diventata patrimonio comune. Il trascorrere del tempo, in teoria, potrebbe avere una funzione positiva: l’enormità del massacro, la sua dinamica complicata, la storia precedente e le cronache successive, richiedono studi e analisi approfondite. Ma la sensazione è che il passare degli anni giochi contro la costruzione di una memoria collettiva di quel genocidio. La stessa giornata istituita dalle Nazioni Unite per ricordarne l’inizio, il 7 aprile, sembra appassionare sempre meno.

Source: Sul genocidio del Ruanda ci sono ancora molte domande aperte – Daniele Scaglione – Internazionale

Advertisements
 
Leave a comment

Posted by on April 10, 2017 in Africa

 

Tags: ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: