RSS

Tag Archives: Italy

Nell’universo classista delle ripetizioni private 

“Ci sono dei professori che fanno ripetizioni a pagamento. Invece di rimuovere gli ostacoli, lavorano a aumentare le differenze. La mattina sono pagati da noi per fare scuola eguale a tutti. La sera prendono denaro dai più ricchi per fare scuola diversa ai signorini. A giugno, a spese nostre, siedono in tribunale e giudicano le differenze. Non è che il babbo di Gianni non sappia che esistono le ripetizioni. È che avete creato un’atmosfera per cui nessuno dice nulla. Sembrate galantuomini”.

Nel 1967 don Lorenzo Milani e i suoi ragazzi della scuola di Barbiana in Lettera a una professoressa raccontavano una scuola classista che discriminava i figli dei contadini (i Gianni) dai figli dei dottori (i Pierini); a distanza di cinquant’anni esatti l’accusa potrebbe essere identica e resterebbe ugualmente inascoltata.

Da insegnante di liceo mi capita spesso di partecipare ad assemblee sindacali e politiche, dibattiti e convegni, e ogni volta che pongo il problema delle ripetizioni è come se nominassi un tabù. La maggioranza dei colleghi che ho conosciuto dà ripetizioni; in alcuni casi si tratta di una sorta di doppio lavoro, in altri è diventato – in termini economici e di tempo – il lavoro principale. Eppure il tema delle ripetizioni private non ha interessato nessuna delle proteste che hanno accompagnato la legge Gelmini o quella sulla Buona scuola.

https://www.internazionale.it/notizie/christian-raimo/2017/06/12/ripetizioni-private-scuola

 
Leave a comment

Posted by on June 18, 2017 in European Union

 

Tags: ,

Il carcere va abolito 

Mercoledì 11 marzo un internato dell’ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto si è tolto la vita impiccandosi nel bagno. Nello stesso giorno, appena più in là, un detenuto del carcere di Sciacca ha preso la stessa decisione. 

Sono solo gli ultimi due componenti della lunga teoria di morti che attraversa le strutture detentive del nostro paese. Terminare la propria esistenza in carcere non costituisce un fatto episodico, bensì rappresenta un vero e proprio parametro e un asse portante dell’attuale sistema della reclusione.  

https://www.internazionale.it/opinione/luigi-manconi/2015/03/17/carcere-abolizione

 
Leave a comment

Posted by on June 7, 2017 in European Union

 

Tags: ,

Piccolo tour del disastro nella pianura padana

Centro commerciale Mega di Vimercate, 1 aprile 2017. (Filippo Minelli per Internazionale, Padania classics)ItaliaPiccolo tour del disastro nella pianura padanaWu Ming 2, scrittore15 maggio 2017 10.12FacebookTwitterEmailI turisti calano dal torpedone armati di teleobiettivi e macchine fotografiche. Sciamano entusiasti nell’unica navata del centro commerciale Mega di Vimercate, si radunano sotto la cupola di metacrilato, studiano le iscrizioni alle pareti: il supermercato si definisce “controcorrente”, la parrucchiera è “ParrucChiara”. Mentre ammirano l’erba sintetica del presbiterio, una cliente li interpella, lo sguardo complice di chi ha colto un segreto.“Siete qui per qualcuno di famoso?”.“No, signora. Siamo in gita aziendale”.La donna rimane interdetta, gli invasori non somigliano a impiegati in vacanza, anche se adesso si concedono un caffè, come nella classica pausa da viaggio organizzato.In realtà, vero motivo della sosta è proprio la visita a questo scatolone grigio di negozi brianzoli, definito “mega” in un tempo remoto, il 1984, quando il gigantismo padano era ancora bambino. Oggi una struttura del genere, circa 2.500 metri quadrati, impallidisce di fronte al maxiprogetto del nuovo supermercato Esselunga di Vimercate sud, con 3mila metri quadrati solo per il settore alimentare e 1.800 per gli altri prodotti.

Source: Piccolo tour del disastro nella pianura padana – Wu Ming 2 – Internazionale

 
Leave a comment

Posted by on May 17, 2017 in European Union

 

Tags:

Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco

Nel fine settimana del 15 e 16 aprile sono state soccorse al largo della Libia 8.300 persone in 55 diverse operazioni condotte dalle navi delle organizzazioni non governative e dalle navi militari, i soccorsi sono stati coordinati dalla centrale operativa della guardia costiera di Roma. L’aumento degli arrivi è in parte da attribuire al miglioramento delle condizioni del mare, tuttavia ha riacceso le polemiche che negli ultimi mesi hanno coinvolto le organizzazioni umanitarie che si occupano di soccorrere i migranti nel Mediterraneo. Il leader della Lega nord Matteo Salvini ha minacciato di “denunciare il governo italiano” per aver soccorso migliaia di persone al largo della Libia. Anche il leader dei cinquestelle Beppe Grillo sul suo blog ha parlato “del ruolo oscuro delle ong”.

Source: Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco  – Annalisa Camilli – Internazionale

 
Leave a comment

Posted by on April 24, 2017 in European Union

 

Tags: , ,

I libri che smontano il mito del colonialismo buono degli italiani 

La sera del 21 marzo 2017 la sala del cinema Farnese a Roma è piena. I giovani sono molti.L’occasione d’altronde è di quelle da non perdere: la proiezione del documentario di Raoul Peck I’m not your negro, basato su uno scritto inedito di James Baldwin. Il documentario ripercorre con intelligenza e sentimento la stagione afroamericana dei diritti civili e le vicende di tre personaggi – Malcolm X, Martin Luther King, Medgar Evers – uccisi per il loro impegno contro il razzismo. Peck è un regista che non dà tregua. Ogni fotogramma è un invito a non abbassare la guardia, a non nascondersi dietro il velo del conformismo.Sa come ferirci con immagini di linciaggi reali o ricostruiti per lo schermo. Sa come scuotere le coscienze assopite o troppo impaurite per agire. E vediamo in ogni inquadratura quel corpo nero, quel popolo nero, maltrattato, umiliato, annientato, polverizzato. Un corpo che a seconda delle esigenze del potere diventa portatore delle ansie e della cattiva coscienza di un’intera nazione.

Source: I libri che smontano il mito del colonialismo buono degli italiani – Igiaba Scego – Internazionale

 
Leave a comment

Posted by on April 10, 2017 in European Union

 

Tags: ,

Romania and Italy unite to halt abuse of women migrants 

The Romanian government has agreed to collaborate with Italian authorities to stop the abuses in the Sicilian province of Ragusa, after an Observer investigation found that thousands of Romanian agricultural workers were being used as forced labour and sexually exploited by their Italian employers.A delegation of Romanian ministers sent by the prime minister, Sorin Grindeanu, met provincial representatives and migrants’ rights organisations in Ragusa on Friday to discuss conditions for Romanian women and find a way forward.

Source: Romania and Italy unite to halt abuse of women migrants | Global development | The Guardian

 
Leave a comment

Posted by on April 2, 2017 in European Union

 

Tags: ,

Raped, beaten, exploited: the 21st-century slavery propping up Sicilian farming 

Every night for almost three years, Nicoleta Bolos lay awake at night on a dirty mattress in an outhouse in Sicily’s Ragusa province, waiting for the sound of footsteps outside the door. As the hours passed, she braced herself for the door to creak open, for the metallic clunk of a gun being placed on the table by her head and the weight of her employer thudding down on the dirty grey mattress beside her.The only thing that she feared more than the sound of the farmer’s step outside her door was the threat of losing her job. So she endured night after night of rape and beatings while her husband drank himself into a stupor outside.

Source: Raped, beaten, exploited: the 21st-century slavery propping up Sicilian farming | Global development | The Guardian

 
Leave a comment

Posted by on April 2, 2017 in European Union

 

Tags: ,

Il decreto sicurezza cancella la dignità delle persone

Conosco da venticinque anni due persone – due stranieri, due anziani ormai – che per tutto questo tempo hanno vissuto per strada a Roma, spesso dormendo al freddo o sotto la pioggia, vicino alla stazione, in un parcheggio, in una macchina abbandonata, bevendo alcolici scadenti ogni giorno, ammalandosi di ogni genere di malattia della pelle, campando di elemosina. Dalla settimana scorsa non più: uno è morto due giorni fa, l’altro da poco ha preso per la prima volta una stanza in affitto.Quando ho saputo della morte di quest’uomo avevo appena letto il decreto sicurezza emanato dal governo, quello che recita all’inizio:

Source: Il decreto sicurezza cancella la dignità delle persone – Christian Raimo – Internazionale

 
Leave a comment

Posted by on March 22, 2017 in European Union

 

Tags: , ,

L’epidemia della solitudine gay

Dopo aver passato gli ultimi anni a sbattere la testa contro il nodo dei diritti delle coppie formate da persone dello stesso sesso, l’opinione pubblica italiana ha recentemente riscoperto una sua vecchia passione: l’attenzione morbosa per il comportamento sessuale degli omosessuali.

Il tema è tornato alla ribalta prima di tutto per via dell’omicidio di Luca Varani, il giovane massacrato un anno fa in un appartamento di Roma da due amici, Manuel Foffo e Marco Prato. Alcol, droga, sesso e morte: questo omicidio conteneva tutti gli ingredienti giusti per spingere i mezzi d’informazione a rispolverare i toni da “sordido ambiente omosex” di cui si erano sbarazzati solo qualche anno prima. E ci hanno offerto perfino un nostalgico spauracchio da aids, quando nei giorni scorsi si è diffusa la notizia che Marco Prato è sieropositivo, una rivelazione che secondo la stampa avrebbe gettato nel panico la movida romana. Come se una persona sieropositiva fosse un lebbroso tornato a ungerci dal medioevo.

http://www.internazionale.it/opinione/claudio-rossi-marcelli/2017/03/10/epidemia-solitudine-gay

 
Leave a comment

Posted by on March 18, 2017 in Uncategorized

 

Tags: ,

Italy’s middle class crashed by widespread banking frauds

The recent financial and economic crisis has hit Italy much harder than other European countries. Poverty and unemployment have risen accordingly in the last decade. Before 1.8 million Italians were still under the poverty line before the start of the crisis in 2007, the figure was almost 4.6 million, or around 8 percent of the population. The unemployment rate has now risen from 6.7 percent (2008) to 10.9 percent (2016). Above all, school and university graduates hardly find any more jobs. Youth unemployment is 40 percent. In 2008 it was half as high.

Live with the parents
As early as the beginning of the nineties Italy had experienced a serious crisis. At that time, according to a report by the Central Bank, the lower classes suffered most; Social inequalities increased strongly. However, the recent crisis that began in 2008 and continues today has led to a slump in the standard of living on a much broader scale. Not only the poorest have to fight today. The broad middle class – according to the Central Bank – accounts for about three quarters of the population – is now much worse than ten years ago.

Declining wages, rising life costs and the steadily increasing tax burden have led to impoverishment of the once well-offed bourgeoisie, especially in the large cities. The young generation is by far the most affected. Although young Italians are better educated on average, they earn significantly less than their parents. Even many who have a fixed working place are hardly able to make ends meet.

http://leconomistamascherato.blogspot.com/2017/02/italys-middle-class-crashed-by.html?m=1

 
Leave a comment

Posted by on March 12, 2017 in European Union

 

Tags: